Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  01 luglio 2020

The Rolling Stones, Havana Moon nei Drive - in

Il film concerto dei Rolling Stones sul mega evento tenuto dalla band a Cuba nel 2016 arriva nei drive-in americani

Si è discusso molto in questi mesi dell'opportunità o meno di tentare una ripresa della musica live con formule nuove che rispettassero il distanziamento sociale come quello dei concerti in modalità Drive - In.

Qualche episodio c'è già stato e il promoter americano Live Nation ha già annunciato una serie di concerti chiamati 'Concerts In The Lot' che porterà gli artisti come Brad Paisley e Nelly ad esibirsi nei parcheggi americani davanti a una distesa di auto.

Per le grandi rockstar internazionali ci sarà da aspettare, se mai si deciderà di intraprendere una strada del genere, ma in qualche modo i Rolling Stones hanno deciso di portare la loro musica nei cinema drive-in con la proiezione del docufilm "Havana Moon".

Havana Moon

Il 25 marzo 2016 i Rolling Stones si esibirono in uno storico concerto gratuito alla Ciudad Deportiva de la Habana a Cuba davanti una platea stimata intorno al mezzo milione di persone.

Era la prima volta che una rock band si esibiva a Cuba davanti a una folla del genere e gli Stones distrussero il record precedente che apparteneva al nostro Zucchero con i 70.000 del suo show nel 2012.

Dal concerto venne fatto un docufilm per la regia di Paul Dugdale che racconta l'avventura della band inglese a Cuba e che, dopo una sola proiezione evento nei cinema, è diventato disponibile in home video.



Le parole del regista e della produzione

Il regista Paul Dugdale ha dichiarato in una nota stampa la sua eccitazione per il ritorno al cinema di Havana Moon, specialmente in un periodo difficile come questo: "Sono davvero emozionato per il ritorno di Havan Moon sul grande schermo. Il concerto dei Rolling Stones è stato il primo del genere a l'Havana e spero che l'assenza di musica dal vivo a cui siamo costretti per la prima volta a causa del COVID-19 possa far provare a chi andrà a vedere il film guardare attraverso il circuito CineLife la stessa gioia che hanno provato le persone in quella serata magica"

"Pensiamo che questa sia l'opportunità perfetta per portare i Rolling Stones nei drive in di tutte le città per la prima volta - ha aggiunto Bernadette McCabe del produttore CineLife - i Rolling Stones sono una band iconica e garantiranno un'esperienza unica per il pubblico".


La polemica con Trump

Gli Stones hanno intanto scatenato la polemica con Donald Trump dopo che il Presidente degli Stati Uniti ha utilizzato il loro brano You Can't Always Get What You Want durante un comizio a Tulsa. I legali della band avrebbero minacciato di fare causa al POTUS se contiuerà ad usare i brani degli Stones come colonna sonora dei suoi rally elettorali. Le stesse minacce erano già state fatte dalla band durante la campagna elettorale del 2016 ma, evidentemente senza sortire gli effetti sperati.

"Questa potrebbe essere l'ultima volta che Trump usa una canzone di Jagger/Richards per la sua campagna elettorale - si legge in una nota emessa dalla band - se Donald Trump persiste ed ignora l'ingiunzione, dovrà affrontare una causa".


Mick Jagger in Italia

Reduci dal successo dell'ultimo singolo 'Living In A Ghost Town', attualmente nella Top 20 di Radiofreccia - i Rolling Stones sembrano decisi a trasferirsi in Italia. Stando a quanto riportato il mese scorso da alcune testate,Mick Jagger avrebbe deciso di trasferirsi in Italia per concentrarsi su nuova musica e proseguire il discorso artistico cominciato con  'Living In A Ghost Town'. Con lo stop forzato alla musica dal vivo fino al prossimo anno, i Rolling Stones hanno dovuto cambiare i piani che li vedevano impegnati su un palco per il 'No Filter Tour' e il tempo sottratto all'attività live sarà probabilmente speso per lavorare a un nuovo disco, in Italia.

Pare che Mick Jagger abbia dato mandato ai propri agenti di trovare una grande in qualche zona isolata nei pressi di Firenze per potersi mettere all'opera sul nuovo disco nella tranquillità e nel verde della Toscana. La rockstar britannica, che attualmente si trova nel suo castello a Pocé-Sur-Cisse, un villaggio di poco più di 1500 abitanti a circa 200 Km di Parigi, avrebbe chiesto al suo staff di trovare una villa con almeno sei stanze da letto per ospitare tutta la famiglia.

Oltre alla villa, la richiesta di Jagger - che potrebbe trattenersi per tutta l'estate e fino ad autunno inoltrato - comprenderebbe anche un'altra residenza nei paraggi adatta ad ospitare gli altri componenti della band, il suo entourage e gli amici.

Tra le zone in lizza per accogliere Mick Jagger ci sarebbero, oltre alle colline del fiorentino, anche la Val d'Orcia, la Maremma e il Chianti.



The Rolling Stones, Havana Moon nei Drive - in