Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  19 ottobre 2021

The Sound Of Silence, il successo inaspettato di Simon & Garfunkel

Il 19 ottobre del 1964 Simon & Garfunkel pubblicavano il primo album "Wednesday Morning, 3 A.M.", un flop risollevato dal successo di The Sound Of Silence

Il 19 ottobre 1964 Simon & Garfunkel debuttavano con il primo album "Wednesday Morning, 3 A.M.". All'inizio il disco fu un flop clamoroso al punto da spingerli a separarsi ma, grazie all'interesse per quella che sarebbe diventata una delle canzoni simbolo del duo folk, la loro storia cambierà per sempre. Quella canzone era The Sounds Of Silence.


Il flop del nuovo folk

The Sounds Of Silence, sì, e non è un errore perché è questo il titolo utilizzato da Simon & Garfunkel nella tracklist di "Wednesday Morning, 3 AM", per poi far scomparire la 's' nelle successive pubblicazioni.
Simon & Garfunkel cominciarono a collaborare muovendosi all'interno della scena folk negli anni a cavallo tra la fine dei '50 e i primi '60 adottando diversi pseudonimi. Prima fu Tom and Jerry poi, dopo un primo allontanamento causato dal college, diventarono Kane & Garr, nome con il quale cominciarono ad esibirsi come resident in un locale del Greenwich Village, il Gerde's Folk City.
Proprio lì suonarono per la prima volta 'The Sounds Of Silence', attirando l'attenzione del produttore della Columbia Records Tom Wilson che di lì a poco avrebbe prodotto alcuni album per Bob Dylan: "The Times They Are A-Changin' "," Another Side Of Bob Dylan" e soprattutto "Bringing It All Back Home" e il singolo 'Like A Rolling Stone', segnando la transizione di Dylan dall'acustico all'elettrico.

Lo stile completamente acustico e legato al folk  tradizionale di Simon & Garfunkel fu probabilmente il motivo dello scarso successo di un album come "Wednesday Morning, 3.A.M." che per sottotitolo aveva la dicitura 'exciting new sounds from the folk tradition'. Nuovi suoni ma molto diversi da ciò che andava per la maggiore negli anni in cui il mondo vedeva l'insorgere e l'affermarsi della Beatlemania.

Il flop dell'album, furono vendute solo 3000 copie, spinse Simon & Garfunkel ad una nuova separazione e Paul Simon si trasferì a Londra per lavorare al suo primo album solista "The Paul Simon Songbook" mentre Garfunkel continuò con i suoi studi alla Columbia University.


Una svolta inaspettata

A volte, però, succede l'inatteso e ad un progetto destinato a scomparire sul nascere fu concessa una seconda possibilità.
Fu un DJ della stazione radiofonica WBZ di Boston a fare la magia suonando The Sound Of Silence durante la notte, sposando il mood della canzone e intercettando il grande pubblico della zona composto da studenti. Una colonna sonora per le ore notturne così come per l'alienazione giovanile che fece impazzire la nuova generazione.
Il successo tra gli universitari fece arrivare la canzone fino alle coste della Florida dove i ragazzi andavano in spiaggia a Cocoa Beach per le vacanze dello spring break.

Prendendo l'onda, Wilson ci mise lo zampino pensando che il sempre maggiore successo delle band che portavano in radio un folk meno classico e più legato alle sonorità rock potesse essere l'ingrediente giusto per far esplodere definitivamente il brano. Così il produttore decise di sua spontanea volontà, all'oscuro di Simon & Garfunkel, di riarrangiare il brano facendo tesoro della sua esperienza con Dylan.

The Sound Of Silence, il successo inaspettato di Simon & Garfunkel

Il successo di The Sound Of Silence

Pochi mesi prima, infatti Wilson aveva preso dei brani acustici del cantautore di Duluth aggiungendo delle sovraincisioni registrate in elettrico, un tentativo che non venne pubblicato in favore della scelta di utilizzare una live band per Bringing It All Back Home.

Così, con in testa la cover di 'Mr.Tamburine Man' di Dylan fatta dai Byrds, Wilson ingaggiò i session man Joe Mack, Buddy Salzman, Vinnie Bell ed Al Gorgoni, per doppiare la versione originale di The Sound Of Silence con una band elettrica.

Un'aggiunta che rese la canzone ancora più appetibile di prima, un rischio calcolato che diede ragione a Wilson quando il brano fu pubblicato come singolo nel novembre del 1965.

La nuova The Sound Of Silence iniziò a farsi strada nei vari stati arrivando nel giro di due settimane al top della Billboard Hot 100 e, addirittura, a sfidare 'We Can Work It Out' dei Beatles nel gennaio del 1966 per il primo posto.

Per sfruttare il momento, lo stesso mese Simon & Garfunkel pubblicarono il secondo album "Sounds Of Silence" che conteneva la nuova versione di The Sound Of Silence  che arrivò appena fuori dalla Top 10 UK e al 21esimo posto tra gli album più venduti negli Stati Uniti. 

Il successo di The Sound Of Silence diede anche una nuova spinta a "Wednesday Morning, 3 A.M." che riuscì a raggiungere la posizione numero 30 della Billboard album chart grazie ad una geniale intuizione  e una scrittura universale.

Questa volta senza una s ma con molti fan in più.