Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  01 giugno 2021

The Who, Pete Townshend: "Ero pansessuale"

Il chitarrista degli Who Pete Townshend racconta del suo passato da pansessuale: "Ero pronto a dormire con chiunque"

Il chitarrista e compositore degli Who Pete Townshend ha rilasciato recentemente un'intervista in cui ha discusso la sua sessualità rivelando di aver passato una parte della sua vita ad essere 'pansessuale'.

Pete Townshend e la sua sessualità

Pete Townshend, chitarrista, leader e compositore degli Who, ha parlato con il giornale britannico Daily Star della propria sessualità.

Il musicista, che poche settimane fa ha compiuto 76 anni, ha ricordato la sua giovinezza nella band commentando le sue relazioni e definendosi 'pansessuale'.

Parlando del singolo 'I'm A Boy' pubblicato dagli Who nel 1966, Townshend ha detto: "C'era l'idea di mascolinità e del modo in cui gli uomini erano visti in un'epoca in cui io ero probabilmente pansessuale, ma ora non è più così. Credo che fossi pronto a finire nel letto di chiunque mi volesse".

"All'epoca l'omosessualità era qualcosa di illegale - continua Townshend - quindi queste avventure dovevano essere dipinte in modo ironico".

I'm a Boy

I'm a Boy fu pubblicato come singolo dagli Who nel 1966 e doveva inizialmente far parte di un'opera rock chiamata "Quads" ambientata in un futuro in cui i genitori potevano scegliere il sesso dei loro figli.

Anche se l'opera non si concretizzo, I'm A Boy venne pubblicata come singolo e parla di una famiglia che 'ordina' quattro bambini ma per errore riceve tre bambine e un bambino che viene costretto dalla madre a comportarsi come le sorelle non accettando l'errore


The Who, Pete Townshend: "Ero pansessuale"

Un nuovo album degli Who?

Parlando di attualità, Pete Townshend sarebbe pronto a registrare un nuovo album degli Who dopo "WHO" uscito nel 2019. "Ci sono pagine e pagine di versi e bozze - aveva detto pochi mesi fa il chitarrista degli Who ad Uncut - e appena arriverà il momento giusto li prenderò e comincerò a lavorare".

Pare che, chiuso nel suo studio casalingo, Townshend abbia già registrato demo per almeno dieci canzoni papabili per essere inserite in un nuovo disco degli Who non appena ci sarà la possibilità di tornare a suonare dal vivo.

Come al solito, però, il frontman della band britannica Roger Daltrey, è in contrasto con Townshend e si è detto incerto di un nuovo album a causa della situazione attuale dell'industria discografica: "Non esiste più un mercato discografico, non c'è più spazio per gli album. Tutti parlano solo di streaming. Ma avete visto quanto guadagnano gli artisti? Una sciocchezza".