Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  15 novembre 2021

The Who, Roger Daltrey:" Gli Stones? Una band da pub mediocre"

Il frontman degli Who attacca i Rolling Stones definendoli una 'band da pub' ma su Jagger aggiunge "E' il performer numero uno del rock"

I Rolling Stones sono solo una mediocre band da pub. Queste le parole al vetriolo scagliate dal frontman degli Who Roger Daltrey in una recente intervista. Il veterano del rock made in UK ha belle parole solo per Mick Jagger mentre preferisce liquidare con sufficienza gli altri membri degli Stones.

Gli Stones? Una band da pub

I Rolling Stones continuano ad essere sotto attacco. Dopo Sir Paul McCartney adesso è un altro grande del rock inglese ad avere parole ben poco dolci nei confronti della band di Mick Jagger.

Il frontman degli Who, Roger Daltrey, si è infatti unito al blasonato collega nel liquidare con sufficienza i Rolling Stones in una recente intervista.

Parlando con la piattaforma The Coda Collection per lo speciale "The Who's Amazing Journey", Daltrey ha esaltato le qualità di Mick Jagger, sminuendo però gli altri membri degli Stones con sufficienza:

"Mick Jagger? Non si può far altro che togliersi il cappello al suo cospetto. E' il performer rock'n'roll numero uno".

Stessa cosa, però, non si può dire dei Rolling Stones che per Daltrey non sono altro che una band da pub, per giunta nemmeno troppo brava: "Per quanto riguarda la band, invece, se fossi fuori da un pub ed ascoltassi la loro musica che arriva da dentro penseresti che si tratta di una band da pub mediocre".

"Hanno scritto grandi canzoni, sì ma sempre nello stile blues" - ha aggiunto Daltrey - "Il paragone con i Beatles non sta in piedi. E' come paragonare mele e miele, sono due cose saporite ma sono due cose completamente diverse tra loro".

In un altro punto dell'intervista, invece, Daltrey ha parlato della sua invidia nei confronti di Robert Plant per il fatto che i Led Zeppelin erano una band in cui le individualità dei musicisti erano molto presenti all'interno dei brani. Questo permetteva a Plant, al contrario della sua esperienza con gli Who, di prendere fiato durante gli show: "Tra tutti i cantanti di tutte le band sono stato quello che ha preso la pagliuzza corta" - ha scherzato Daltrey - "Le canzoni degli Who sono tutto testa, senza assolit. Ne scherzo spesso con Robert Plant, o Percy come lo chiamiamo noi, che è un mio caro amico. Dice sempre che durante un assolo di chitarra di Jimmy Page o uno di batteria di Bonham potevi lasciare il palco e andare a leggerti un libro. Mi sono chiesto come sarebbe stato far parte di una band del genere".

The Who, Roger Daltrey:" Gli Stones? Una band da pub mediocre"

McCartney contro gli Stones

Il commento di Daltrey arriva a circa un mese di distanza da quando Paul McCartney aveva fatto una considerazione sui Rolling Stones.

Intervistato dal The New Yorker McCartney ha parlato della differenza tra i Beatles e alle altre band della loro epoca, compreso i Rolling Stones che sono passati alla storia come i più grandi rivali dei Beatles anche se nella realtà le band erano amiche.

Al netto delle differenze di stile, di look e di messaggio, ciò che davvero distingueva i Beatles da tutti gli altri, secondo McCartney, era un sound molto più ampio e variegato. Gli Stones, invece, non erano altro che una 'cover band blues'.

Alcuni giorni dopo Jagger ha risposto alla frase di McCartney invitandolo direttamente sul palco con lui e gli Stones a suonare il blues.

l concetto era stato già espresso da McCartney l'anno scorso durante un'intervista con Howard Stern in cui individuava il limite degli Stones in questa totale necessità ad attingere direttamente al blues.

In quell'occasione Jagger aveva rispedito al mittente la battuta ricordando che gli Stones, nonostante tutto, sono ancora una delle più grandi live band del pianeta dicendo: "Abbiamo una band che è incredibilmente fortunata nel suonare ancora negli stadi, e un'altra che non esiste più".