Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  16 novembre 2021

U2, Achtung Baby festeggia i 30 anni con un nuovo cofanetto

L'album 'berlinese' degli U2 festeggia 30 anni con un'opera d'arte e con la nuova edizione del disco, "Achtung Baby 30th Anniversary Edition"

"Achtung Baby" degli U2 compie 30 anni questa settimana e per l'occasione la band irlandese ha annunciato l'uscita di un'edizione per l'anniversario del disco, "Achtung Baby 30th Anniversary Edition", e un'installazione artistica nella città che fece da scenario alle registrazioni dell'album, Berlino.

Achtung Baby 30th Anniversary Edition

Uscirà venerdì 19 novembre "Achtung Baby 30th Anniversary Edition", una nuova versione del settimo album degli U2 che usciva proprio 30 anni fa, il 18 novembre del 1991.

Trent'anni fa, Bono descrisse Achtung Baby come «il suono di quattro uomini che abbattono The Joshua Tree» mentre Jon Pareles del New York Times scrisse che «smantellando e sfidando le vecchie formule, gli U2 si sono dati la possibilità di lasciare un segno negli anni '90». L'album ha vinto un Grammy Award per la Best Rock Performance ed è diventato uno dei dischi più significativi degli anni Novanta e della carriera degli U2.

Ora, per celebrare i 30 anni del disco, gli U2 pubblicheranno una nuova edizione di "Achtung Baby" in digitale e in due versioni su vinile, una con 2LP standard neri e una con 2LP colorati, in rosso e blu. Un disco conterrà la tracklist originale rimasterizzata nel 2018 e l'altro l'album "Achtung Baby (Unter Remixes)".

Il 3 dicembre, invece, uscirà un cofanetto digitale deluxe da 50 tracce che includerà "Uber Remixes", "Unter Remixes" e le b-sides per un totale di 22 tracce disponibili per la prima volta in digitale.


U2, Achtung Baby festeggia i 30 anni con un nuovo cofanetto

La collaborazione con l'artista Thierry Noir

I festeggiamenti per il disco, però, non finiscono qui e gli U2 hanno deciso di ricordare "Achtung Baby" con un'opera d'arte che sarà installata nella città che ha fatto da scenario a gran parte delle registrazioni dell'album, realizzato tra gli storici Hansa Studios di Berlino e quelli di Windmill Lane a Dublino.

Per celebrare l'anniversario di Achtung Baby, la band ha collaborato con l'artista francese residente a Berlino Thierry Noir (il primo artista a dipingere sul muro di Berlino) per un'installazione speciale presso i leggendari Hansa Studios a Kreuzberg.

Trent'anni fa, la band ha chiesto a Noir di dipingere una serie di auto Trabant ormai iconiche, presenti nell'artwork dell'album, così come lo Zoo TV Tour del 1991.

U2 x THIERRY NOIR vede Noir tornare con una Trabant appena dipinta per il 2021, oltre a un murale esclusivo dipinto su una sezione del muro di Berlino. Per accesso gratuito e informazioni, visitare: https://www.achtungbaby30.de

Il cofano della Trabant sarà messo all'asta a Londra, il 9 dicembre come parte della loro vendita New Now ed il ricavato andrà al Berlin Institute for Sound and Music




Gli anni di Achtung Baby 

Prodotto da Daniel Lanois e Brian Eno tra Berlino e Dublino, "Achtung Baby" segnò un deciso cambio di direzione nello stile degli U2. Dopo le fascinazioni americane di "The Joshua Tree" e "Rattle And Hum", la band irlandese decise di tornare con la testa e con il cuore in Europa lasciandosi influenzare dal sound industriale di una Berlino che voleva riunirsi e andare verso un nuovo inizio dopo la caduta del Muro nel 1989 ma che manteneva le cicatrici della Guerra Fredda.

Un'atmosfera di fervore, quella della nuova capitale tedesca, che Bono sperava di utilizzare come catalizzatore della voglia di cambiamento degli U2 alla ricerca di qualcosa che li sganciasse dal passato diventato statico e li proiettasse nel futuro.

La realtà si rivelò essere diversa e il clima ancora depresso della città fu lo sfondo ideale ad una band che in quel periodo attraversava un periodo di difficoltà nei rapporti interpersonali e di divergenze artistiche che spaccarono in due gli U2.

Una volta tornati a casa, però, il materiale inciso sembrò essere meglio di quanto pensassero e i quattro si ricompattarono dando vita a quello che, probabilmente, è il disco più importante degli U2 dagli anni '90 ad oggi.