Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  12 novembre 2020

Vaccino obbligatorio per acquistare il biglietto di un concerto?

Dopo i progressi nella ricerca sul vaccino per il coronavirus c'è chi pensa a come tornare a vedere i concerti

Con il passare dei mesi vedersi privati della musica dal vivo sta diventando sempre più una condizione pesante per chi ama la musica, per non parlare poi di chi con la musica ci lavora. Un disastro di proporzioni enormi sia da un punto di vista strettamente economico per gli artisti e per chi quegli artisti che tanto ci piace vedere li mette in condizione di salire su un palco, sia da un punto di vista della 'sanità mentale' di tutti quelli che in una sana cantata a squarciagola e una sudata in transenna avevano fatto un appuntamento almeno ricorrente.


Un biglietto ed un test

A causa della pandemia da coronavirus praticamente tutti i tour del mondo sono stati messi in pausa, abbiamo skippato un anno per rivolgerci con la testa e le speranze al 2021 avendo fiducia in un ritorno della musica dal vivo il più presto possibile. Di strade se ne sono già provate tante: i live drive in, quelli con le postazioni fisse, i distanziamenti ma, diciamoci la verità, ora come ora l'unica scelta sostenibile è quella del mondo virtuale con i live streaming, contentino online a contatto zero più utile ad un discorso artistico di chi pubblica un album e vuole far sentire al proprio pubblico come suona live che altro. 

Al di là dei tentativi fatti, per i concerti di grosse dimensioni bisognerà forse necessariamente aspettare il vaccino. Dopo l'annuncio della farmaceutica Pfizer che ha comunicato di aver sviluppato un vaccino contro il coronavirus risultato efficace al 90% nelle prime fasi di test clinici, c'è chi si è attivato per cercare di capire come la possibile diffusione su larga scala della cura possa essere utilizzata per facilitare un ritorno alla normalità in materia di concerti.


Cercando strade percorribili

Anche se  i tempi non sono ancora maturi, Ticketmaster ha iniziato a prendere in considerazione l'idea di implementare la tecnologia di digital ticketing in modo da includere anche la possibilità di verificare la salute degli spettatori prima di permettere l'accesso alle aree concerto così da poter realizzare un live 'come una volta' senza rischio di diffondere il virus nel pubblico.

In vista di giorni migliori, la società che si occupa della vendita di biglietti per eventi ha parlato di un piano di lavoro volto a dare il via libera all'ingresso solo agli spettatori che potranno dimostrare di essere vaccinati o di aver effettuato un tampone con esito positivo entro i tre giorni precedenti all'evento.

Il presidente di Ticketmaster Mark Yovich è stato intervistato da Billboard sulla tecnologia che sarà un'opzione adottabile dagli organizzatori di eventi: "Siamo già in contatto con molte società terze che si occupano di sanità per cercare di processare i test e collegarli direttamente ad un biglietto digitale in modo che tutti quelli che entreranno al concerto saranno verificati. Il nostro obiettivo è di dare la maggiore flessibilità possibile e il maggior numero di soluzioni percorribili per i fan e per gli organizzatori in modo da tornare agli eventi dal vivo. Stiamo lavorando per cercare di creare integrazione con il nostro sistema di ticketing digitale e adottare tutte le soluzioni che sono applicabili".

Come funziona

Il funzionamento dell'integrazione pensata da Ticketmaster è in realtà molto semplice.  Dopo aver acquistato un biglietto digitale per il concerto, gli spettatori dovranno essere verificati dimostrando di essere in salute provando o di aver fatto il vaccino contro il COVID-19, cosa che dovrebbe dare la garanzia di una copertura sanitaria di circa . Dopo aver acquistato un biglietto digitale per il concerto, gli spettatori dovranno essere verificati dimostrando di essere in salute provando o di aver fatto il vaccino contro il COVID-19, cosa che dovrebbe dare la garanzia di una copertura sanitaria di circa un anno, o di aver effettuato un tampone risultato negativo entro massimo 72 ore prima del concerto, a seconda delle disposizioni di quella zona. Una volta fatto il test, il fan dovrebbe indicare al laboratorio le disposizioni per far pervenire a Ticketmaster una notifica che segnala la compatibilità o meno con l'accesso al concerto. Se un fan risulta positivo o non è in grado di fornire il proprio stato non sarà accettato all'interno dello show.



Vaccino obbligatorio per acquistare il biglietto di un concerto?