Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  02 luglio 2021

Vicky Cornell: "Chris è ancora la mia ragione di vita"

In un'intervista in cui parla del cantante dei Soundgarden come padre, la vedova di Chris Cornell condivide una lettera d'amore scritta dal marito e racconta il suo lutto

Vicky Cornell ha condiviso una lettera d'amore scritta a mano da Chris Cornell in occasione di un'intervista per il portale Fatherly in cui ha parlato di come lei e la sua famiglia abbiano cercato di superare la morte del cantante dei Soundgarden scomparso nel 2017.

La lettera d'amore e il ricordo di Chris Cornell

La foto di una lettera d'amore scritta a mano da Chris Cornell con un pennarello rosso è stata pubblicata dal portale Fatherly.com a margine di un'intervista concessa dalla vedova del frontman di Soundgarden e Audioslave, Vicky Cornell.

Nella lettera Chris scrive alla sua amata: "Scrivo questa lettera con la mano tremante di chi è guidato dalle sorti di un cuore abbastanza fortunato da conoscere il vero amore. Il mio cuore è un tamburo battente e la mia voce una campana che risuona in tutto il mondo il mio amore per te. Che tu possa essere mia nella gioia illuminata solo dal bagliore del nostro amore".

Nel corso dell'intervista Vicky racconta di come lei e la sua famiglia abbiano cercato di mantenere vivo il ricordo del marito scomparso tragicamente nel 2017: "Chris è costantemente conservato nel presente. Parliamo di lui, suoniamo la sua musica, condividiamo ricordi, con i nostri figli lavoriamo per conservare la sua eredità" - racconta la vedova Cornell - "Continuiamo il grande lavoro di beneficenza che faceva personalmente e attraverso la Chris And Vicky Cornell Foundation. Per Chris poter donare era qualcosa di importante, qualcosa che facevamo insieme come famiglia, quindi lo facciamo ancora e questo conserva il suo ricordo e quello di ciò che considerava importante in vita".


L'importanza dei fan nel tenere vivo il ricordo

Un ruolo importante nella vicenda, racconta Vicky, è svolto anche dai fan e dal loro condividere le loro storie su Chris attraverso i social media: "Siamo testimoni di così tante storie che fanno capire quanto Chris abbia avuto un impatto con la sua musica e i suoi versi sulla vita delle persone. E' fantastico vedere quante persone è riuscito a raggiungere e l'amore che i suoi fan provano ancora per lui ci dona sollievo e mantiene vivo il suo ricordo".

La carriera di Chris, spiega Vicky, è in qualche modo stata importante anche per poter permettere ai loro figli di vivere davvero il padre quando era in vita nonostante un mestiere particolare: "I nostri ragazzi hanno viaggiato il mondo con noi e quindi hanno stabilito con lui un rapporto molto profondo per quanto riguarda l'amore, l'importanza della famiglia, la vita. Avevano un papà a tempo pieno e, anzi, hanno potuto prendere parte del suo lavoro, erano davvero parte della nostra vita lavorativa e hanno potuto vivere un'esperienza unica sia a casa che a lavoro che ha avuto un grande impatto positivo sulle loro vite".


Vicky Cornell: "Chris è ancora la mia ragione di vita"

Chris è ancora la mia ragione di vita

Durante la chiacchierata Vicky Cornell ha parlato anche di come ha processato il lutto per la morte di Chris dal 2017 ad oggi e di come è cambiato il modo di piangere la scomparsa del frontman dei Soundgarden: "In qualche modo ora è peggio perché all'inizio avevi la falsa speranza che fosse solo un incubo, che potesse tornare, entravi in 'modalità sopravvivenza' e andavi avanti. Ora la realtà si è sedimentata".

Quando arrivano i momenti di sconforto è sempre Chris, insieme ai figli, a venire in soccorso: "Ci sono dei momenti difficili in cui penso che nessuno capisca. Il lutto può farti sentire solo indipendentemente dal supporto. Quando sento di stare male cerco la mia unica ragione nei miei figli Toni e Cristopher e, per quanto possa sembrare strano, anche in Chris. Chris è ancora la mia ragione di vita".

Pace fatta con gli altri Soundgarden?

Recentemente Vicky Cornell aveva fatto parlare di sé per l'apertura nei confronti dei membri superstiti dei Soundgarden, Kim Thayil, Matt Cameron e Ben Shepherd. Le due parti, da tempo impegnati in una battaglia legale su più fronti, hanno trovato un accordo permettendo ai compagni di band di Chris Cornell di poter accedere nuovamente ai canali social ufficiali dei Soundgarden.

Una pace che sembra emergere anche dal messaggio con cui Thayil, Cameron e Shepherd hanno inaugurato la nuova gestione dei canali poche settimane fa e in cui si invitavano i fan a non fare commenti sulle questioni extra musicali mantenendo il rispetto nei confronti di tutte le parti.

La questione dei social e dei canali ufficiali della band è solo una tra quelle al centro della disputa legale tra i restanti membri dei Soundgarden e Vicky Cornell. L'elemento di maggior interesse per i fan, infatti, è di sicuro legato alla musica e alla possibile produzione di materiale di archivio al centro di un contenzioso tra le due parti.

I membri della band hanno infatti rivelato l'esistenza di un altro album dei Soundgarden che era in lavorazione prima della morte di Chris Cornell, un disco che, con il supporto di Vicky Cornell in possesso del materiale, la band avrebbe potuto completare e pubblicare.

La speranza è questo primo passo verso la pace possa portare le parti a collaborare per portare alla luce la musica inedita registrata dai Soundgarden con Cornell, un'operazione che la stessa Vicky avrebbe dichiarato di voler fare in modo di portare ai fan tutto l'archivio del marito dopo la prima raccolta di cover registrate in vita da Chris pubblicata a fine 2020 con il titolo di "No One Sings Like You Anymore".