Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  30 novembre 2020

Volete dormire nel letto di Ozzy Osbourne?

In affitto la camera da letto della casa in cui è cresciuto Ozzy Osbourne ma per l'ex Black Sabbath il prezzo non è un affare

Avete mai pensato di andare a letto con il vampiro? La citazione di film discutibili è d'obbligo per l'ennesima notizia che riguarda il Principe delle Tenebre più amato del mondo, Ozzy Osbourne.

L'ex frontman dei Black Sabbath è stato premiato dall'edizione britannica del magazine GQ con il Lifetime Achievemnt ai GQ Awards, un riconoscimento che vuole premiare Ozzy per la sua influenza come musicista e icona di stile.

Nel corso dell'intervista, di cui vi avevamo già parlato qui, Ozzy ha parlato di molti argomenti che vanno dal suo stato di salute e della sua paura per il coronavirus al modo in cui ha deciso di trascorrere il lockdown.


La camera da letto di Ozzy Osbourne in affitto

Ma il presente, un presente davvero difficile, non è stato l'unica protagonista dell'intervista e facendo un salto alla sua infanzia, Ozzy racconta di come la camera da letto in cui ha trascorso i primi anni della sua vita a Birmingham sia stata messa in affitto. L'attuale proprietario della piccola casa al 14 di Lodge Road, nel quartiere di Aston a Birmingham, dà infatti la possibilità di dormire nella stanza da letto che molti anni fa fece da scenario alla vita del piccolo John Michael Osbourne da prima che diventasse Ozzy.

Parlando della sua camera da letto in affitto, Ozzy ha detto a GQ che il valore effettivo è ben diverso da quello che qualche suo fan sarebbe disposto a pagare per passare una notte lì dove prendeva vita il mito: "Il proprietario fa pagare 400 sterline a notte ! Quella cazzo di casa, tutta, non ne valeva nemmeno 300! - ha detto Ozzy - devono aver fatto un ampliamento del bagno davvero costoso! La cosa strana è questa: sono tornato in quella casa molti anni dopo essere andato via e quando sei piccolo tutto ti sembra gigante. Quella casa, però, era io, mia madre, mio padre e altri cinque tra fratelli e sorelle. Eravamo in otto in quella casa così piccola e ancora mi chiedo come diavolo siamo riusciti a farcela".

A proposito del rapporto che aveva con la famiglia quando era piccolo Ozzy racconta di come la cose fossero diverse rispetto a ciò che è successo tra lui e i suoi figli: "Penso sia importante dire ai tuoi figli che li ami, cerco di farlo sempre tutti i giorni, che sia di persona, con un messaggio o al telefono. I miei genitori non hanno mai detto di volermi bene, non era qualcosa che provavi a fare a casa nostra. Se avessi detto a mia sorella che le volevo bene mi avrebbero preso in giro. Anche oggi quando dico a mia sorella maggiore che le voglio bene lei non ricambia mai. Quando io ero piccolo direi ai tuoi genitori che gli volevi bene era visto come un segno di debolezza".


Ozzy e la paura del coronavirus

Nel corso dell'intervista Ozzy - che è finito anche sulla cover di GQ nel numero di dicembre - racconta di questo anno terribile in cui la sua salute, già compromessa da operazioni e Parkinson, è stata messa ancora più a rischio dall'avvento del coronavirus. Una situazione, quella creata dalla pandemia, che per un soggetto fragile come Ozzy, 72 anni e una vita piena zeppa di eccessi, è davvero, davvero rischiosa.

"Questo è stato l'anno peggiore della mia vita. Ho un'enfisema polmonare - ha detto Ozzy sul 2020 - se mi becco il coronavirus sono fottuto".

Dopo aver pubblicato il nuovo album solista "Ordinary Man" a febbraio, appena prima che il mondo si fermasse, Ozzy ha anche rimandato per molto tempo la sua idea di tornare in studio e lavorare ad un altro album anche per evitare di correre rischi. Il giovane produttore Andrew Watt che ha lavorato in studio per "Ordinary Man" e che avrebbe dovuto collaborare nuovamente con Ozzy, è stato infatti uno dei primi personaggi nel mondo della musica a parlare pubblicamente del virus dopo averlo contratto proprio mentre la situazione negli Stati Uniti stava iniziando ad esplodere: "Andrew se l'è preso. Ci sentivamo per telefono tutti i santi giorni e mi raccontava di quanto facesse fatica a dormire perché appena provava a farlo smetteva di respirare. Ora è diventato una persona diversa, è un po' come quelli che provano un'esperienza che li fa sentire vicini alla morte. Conduce uno stile di vita molto più attento".

Il lockdown di Ozzy Osbourne

Per cercare di difendersi dalle insidie del virus, l'ex voce dei Black Sabbath ha deciso di stare rintanato in casa il più possibile e di cercare di svagarsi sparando agli oggetti: "Cerco di stare il più possibile a casa. Se esco indosso la mascherina ma odio indossarla, quindi cerco di uscire il meno possibile. In questo periodo sto andando davvero fuori di testa! Ho comprato un fucile ad aria e sparo palline contro il muro tutto il tempo. Nel giro di una settimana faccio qualcosa come 10.000 tiri. Bang, bang, bang! Sparo a dei bersagli che ho fatto da me, anche se in passato ho sparato a qualsiasi cosa si potesse sparare: mucche, pecore, maiali, qualsiasi cosa fosse sotto tiro".

I Black Sabbath e l'occultismo

Proprio il produttore Andrew Watt intervista Ozzy in un video pubblicato in occasione della premiazione. Il produttore di "Ordinary Man" gli fa notare che tutti hanno sempre legato i Black Sabbath all'occultismo e alla magia nera a causa del loro nome nome. Una cosa che, racconta l'ex frontman della band, è quanto di più lontano dalla verità, anzi: "Un giorno il nostro manager ci disse che avremmo assolutamente dovuto guardare questo film, "L'esorcista". Tutti pensavano che i Sabbath fossero una band posseduta: siamo andati a vedere il film e ce la siamo fatta addosso per la paura. Quando la gente pensa a noi come una band spaventosa amante dell'occultismo e della magia nera si sbaglia di grosso".



Volete dormire nel letto di Ozzy Osbourne?

Ozzy Osbourne - Ordinary Man (Official Music Video) ft. Elton John

"Ordinary Man" available at: https://OZZY.lnk.to/OrdinaryMan Director: Stephen Lee Carr Producers: Sharon Osbourne, Jack Osbourne, Peter Glowski, R. Greg Johnston, Stephen Lee Carr Production Company: Lesson 5 Entertainment, Inc. Follow Ozzy Osbourne: Facebook: https://www.facebook.com/ozzyosbourne Instagram: https://www.twitter.com/ozzyosbourne Twitter: https://www.twitter.com/ozzyosbourne Website: https://www.ozzy.com Spotify: http://bit.ly/ozzyosbournespotify YouTube: https://www.youtube.com/ozzyosbourne (C) 2020 Epic Records, a division of Sony Music Entertainment