Logo Radiofreccia

Cerca

Effettua una ricerca nel sito di Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  09 novembre 2021

Yungblud risponde ad un fan che lo accusa di suonare per finta

Il giovane artista inglese difende la sua musica rispondendo a chi lo accusa di suonare in playback e annuncia un corto ispirato al suo singolo Mars

Il giovane artista britannico Yungblud ha rispedito al mittente le accuse di un utente internet che lo accusava di suonare il playback. Basandosi sul video di un'esibizione live, Yungblud si è sentito dire che la sua chitarra durante lo show era suonata per finta, un'accusa che la giovane star ha smontato pezzo per pezzo spiegando le immagini della clip dal suo punto di vista.

Arte da difendere

Non è facile cercare di  fare musica usando la chitarra nel 2021, specialmente se sei giovane, una cosa che difficilmente ti verrà perdonata. Yungblud, però, non è uno che le manda a dire quando viene attaccata la sua musica o la sua fanbase.

Dopo aver polemizzato con un locale di Newcastle che, inizialmente, non aveva accettato la a sua politica di toilette gender neutral durante l'ultimo tour, ora il giovane artista inglese se la prende da chi lo accusa di suonare per finta.

Un utente ha infatti condiviso un video da un recente concerto in cui Yungblud si toglie la chitarra prima della fine dell'assolo accusandolo di essere in playback.

Yungblud ha deciso di rispondere all'utente @findalby che scriveva 'Dio santo, le chitarre non sono nemmeno attaccate' spiegando che la chitarra non solo è collegata senza cavo ma dando anche tutte le spiegazioni sulla scena ripresa nel video.



"Questa è la prima e ultima volta che spiegherò me stesso, quindi aprite bene le orecchie. Si tratta di un'amplificatore wireless, quindi non ha bisogno di cavi. Ecco perché non li ha. Inoltre suono il riff di chitarra che raddoppia la traccia della canzone e la chitarra un'ottava in basso. Ecco perché le corde più basse." - ha spiegato Yungblud - "Quindi posso finire di suonare prima per cantare perché sono coperto dal basso. La mia fascia si è rotta e il mio chitarrista Adam, al mio fianco, è quello che sta suonando l'assolo (anche abbastanza bene direi). Infine, se qualcuno ne avesse bisogno, posso farmi vandare la traccia audio dal mio tecnico direttamente via mail. Difenderò sempre la mia arte e non avrei mai dovuto spiegarmi a qualcuno ma internet è pieno di coglioni, quindi ecco a voi".


Yungblud risponde ad un fan che lo accusa di suonare per finta

Yungblud al cinema

Parlando di cose positive, Yungblud pochi giorni fa ha annunciato un nuovo progetto, che questa volta ha a che fare con il cinema.

L'artista di Doncaster ha infatti rivelato che è attualmente in lavorazione un cortometraggio basato sulla sua canzone 'Mars', singolo dall'ultimo album "Weird!".

Il corto sarà il racconto della storia del fan transgender che ha ispirato il brano e sarà prodotto dallo stesso Yungblud con la sceneggiatura di Chris Bush e la regia di Abel Rubinstein.

La produzione comincerà entro la fine dell'anno con la premiere prevista per la primavera del 2022: "Stiamo mettendo insieme un team incredibile e sono onorato di essere al loro fianco in questo incredibile progetto e di seguirli mentre mi aiutano a realizzare tutto questo. Vi posso garantire che, se anche non adorerete questo film, di sicuro vi insegnerà qualcosa".