Logo Radiofreccia

Entra nella
community di Radiofreccia

possiedi già un account?
oppure
FAQ:
  29 aprile 2017

Gli Who pensano al ritiro

Roger Daltrey: "Non so se suoneremo ancora dopo questo tour"

Più di mezzo secolo sul palco: può bastare. Gli Who giurano di star "seriamente" considerando di dedicarsi a una vecchiaia lontano dagli amplificatori al massimo volume e dalla fatica di una vita "sulla strada". Il cantante Roger Daltrey, intervistato dal New Musical Express, ha messo sul tavolo l'opzione di un ritiro definitivo della band dalle scene. Dopo oltre due anni di tour celebrativo - prima per il cinquantennale, poi per una coda con l'anniversario numero 51, infine con una stringa di date inglesi incentrate sulla celebrazione della rock opera "Tommy" - gli Who stanno valutando se sia il caso di appendere gli strumenti al chiodo. Prima, però ci sono da assolvere i doveri di sei show al Caesar Palace di Las Vegas, tra il 29 luglio e l'11 agosto. Poi un ultimo giro live tra Usa e Sudamerica, sempre in estate. L'autunno porterà consiglio. Spiega Daltrey: "La gente della nostra età tira le cuoia, di solito. Dobbiamo essere realisti, vedere a che punto siamo delle nostre vite". Roger ha 73 anni, Pete Townshend ne compirà 72 tra un paio di settimane. Alla batteria c'è il "giovane" scavezzacollo Zak Starkey, il cinquantaduenne figlio di Ringo Starr.


The Who

"Abbiamo fatto molto bene fino a questo punto, ma dobbiamo vedere. Se ce la facciamo a finire questo anno, avremo bisogno di fermarci un po' e di ripensare la nostra attività. Naturalmente, essendo un cantante, dovrei continuare a esercitarmi: è così che funziona il nostro mestiere. Se mi fermassi per un anno, sarebbe tutto finito". Quanto alle esibizioni a Las Vegas, che avevano destato curiosità e qualche mugugno tra i fans (gli Who sono la prima rock band a prendere "residenza" al Caesar Palace), Daltrey ha fatto spallucce: "Abbiamo pensato: perché non provarci? Non siamo stanchi di suonare su un palco, amiamo fare concerti, ma ci sfiancano le agende, i calendari, i cambi di orari e di alberghi, i letti diversi ogni volta. La sensazione di svegliarsi nel cuore della notte e dire: dove diavolo sono? Da 53 anni va avanti così". Se andassero in pensione, sarebbe ben meritata.


The Who - Pinball Wizard - Live In Hyde Park, London / 2015

The Who - Pinball Wizard - Live In Hyde Park, London / 2015